giovedì 8 aprile 2010

In culo alla balena

Eccoci qua, ci siamo quasi.
Stasera c’è la prima prova su palcoscenico.
Siete pronti? Siete caldi?
Avete studiato la parte?
Io, confesso, ancora no.
Va bene, prometto che da adesso a quando tutto sarà finito, m’impegnerò.
Fiorella, sabato sera sartoria: mi manca l’odore delle stoffe e i pantaloni tutti impolverati dai residui di filo.
Coreografa, ballerini, attori, ci siete? E voi, uomini alla regia?
Bene, preparatevi.
Inspirate, espirate, inspirate, espirate, inspirate, espirate….
Tra qualche sera vi darete la mano, vi disporrete in cerchio, pesterete i piedi ed urlerete merda con tutto il fiato che avete nei polmoni.
Sarà l’ora di buttarvi in bocca alla balena dagli aguzzi denti di legno, vi aspettarà tra le mezze luci ed i tagli ai lati del sipario; v’inghiottirà per poi sputarvi a pasturare le teste affamate davanti a voi, comodamente sedute nelle poltrone di velluto azzurro, pronte a giudicare ogni vostro piccolo gesto, a cercare l’errore per poi sbattervelo sul muso, a voi presuntuosi con velleità artistiche.
Voi, donne, alle calzette ed ai fornelli dovreste stare; voi uomini a coltivare i vostri orti ed i vostri giardini: siete ridicoli nel vostro gonfiarvi definendo voi stessi attori, ballerini, coreografi, registi, sceneggiatori, tecnici, costumisti.
Il pubblico non vi ama, dovete insegnargli ad adorarvi, ad osannarvi.
Circuiteli con i movimenti fluidi dei passi di danza, abbagliateli con le parole ingannevoli della trama, divertiteli con le pantomine concentrandovi spasmodicamente sul copione, ammaliateli con le scelte musicali ad accompagnare la vostra recita: se sarete bravi, se dimenticherete per un attimo di essere ragionieri, poliziotti, medici, studenti, bottegai, garzoni e camionisti ci riuscirete.
Sono mesi che lavorate per quello, ce la potete fare: ora avete l’ansia da prestazione ma sarà un’ottima prestazione.
Perché, comunque vada, sarà un successo.
In culo alla balena allora, che non sia bocca a digerirvi ma solamente palcoscenico ad osannarvi.

Nessun commento:

Posta un commento