lunedì 15 marzo 2010

Ti amo

Ti amo quando alla mattina ti guardi allo specchio, spii il tuo viso e ti dici che quelle che osservavi  una volta erano fossette, ora si chiamano rughe di espressione.

Ti amo quando ti soppesi il seno tra le mani, non sfida più la forza di gravità ma rifiuti i push-up perché ti senti imprigionata come dentro ad una impalcatura.

Ti amo quando osservi, girando il collo, il tuo sedere: non è più sodo come un tempo ma ne sei ancora orgogliosa e continui a fasciarlo nei jeans stretti che tanto adori e che ti fanno le gambe lunghe come non mai.

Ti amo quando metti gli occhiali perché senza non riesci più a leggere, quando osservi i tuoi capelli e decidi che è ora di fare il colore perché i fili bianchi luccicano e non si confondono più in mezzo ai biondi.

Ti amo perché mi piaci come sei, impulsiva e allo stesso tempo razionale, irosa e paciosa ed ammiro questa tua poliedricità ed i pochi istanti che ti servono per cambiarti d'abito, scuotendo la testa ad arginare malesseri e malumori

Ti amo perché ancora adesso, dopo tanti anni, riesci a stupirmi con effetti speciali quando ti butti come un ariete in un nuovo, ennesimo impegno già sapendo che non lo porterai a termine e lo abbandonerai a metà strada, ma adoro la tua determinazione e la tua convinzione nell’approccio.

Ti amo perché riesci sempre ad alzare la testa, anche nelle situazioni più tristi e disperate: piangi per un poco ma poi ti detesti a tal punto, triste, che butti tutto alle spalle.

Ti amo perché per te il bicchiere non è mai mezzo vuoto e quando lo vedi così, ti affretti a riempirlo con il tuo vino preferito di rosso rubino e te ne ubriachi.

Ti amo perché ancora piangi, come ieri sera: eri commossa e non capivo se era per la voce graffiante e profonda di Tom Waits mentre urlava Roxanne o perché già sapevi che, di lì a poco, lei sarebbe morta tra le braccia di Ewan. Lo so, eri triste perché tu un giro in giostra con quel bonazzo non l’avresti mai fatto.

Ti amo, bambina mia, ti amo da tanto di quel tempo che per me e te, anche se non ci hanno mai ufficialmente unite in matrimonio, varrà la frase "fin che morte non vi separi".

6 commenti:

  1. E' impossibile non amare questa stupenda dichiarazione d'amore cara Daniela...

    RispondiElimina
  2. Ed è impossibile non ringraziarti, caro Russo <3

    RispondiElimina
  3. Io mi accontento che mi sopporto, ma mica sempre!!!

    RispondiElimina
  4. In realtà io mi detesto e allora mi ripeto come un mantra che mi amo... Ogni tanto funziona :-)

    RispondiElimina
  5. Se ti detesti evidentemente sai cose che noi non sappiamo ehehehehehe
    Mai essere troppo severi con se stessi, autocritica si, autodistruzione mai.

    RispondiElimina
  6. A volte si è talmente buoni con se stessi, che non riesci più a fare autocritica e la bastarda autodistruzione è lì in agguato, per fotterti. Però le proprie autodifese fan sì che ti dici che ti ami e allora alzi le spalle e mandi tutti a fanculo...

    RispondiElimina